Close

PROBLEMI CON FORNITURE E SERVIZI?

SCOPRI DI PIU'

PROBLEMI IN FAMIGLIA?

SCOPRI DI PIU'

PROBLEMI CON IL LAVORO?

SCOPRI DI PIU'

PROBLEMI PREVIDENZIALI?

SCOPRI DI PIU'

PROBLEMI DI CONDOMINIO?

SCOPRI DI PIU'

PROBLEMI CON ENTI PUBBLICI?

SCOPRI DI PIU'

PROBLEMI DI MALASANITA'?

SCOPRI DI PIU'

PROBLEMI DI IMPRESA?

SCOPRI DI PIU'

NOTIZIE FLASH


Se vuoi saperne di più, contattaci!

IN PRIMO PIANO

SENTENZE IN PILLOLE

insolvezza,anomali,pagamenti,accertamento,motivazione,nullità,tardività,bonifici,versamenti,nero,contabilita,dichiarazione infedele,falso,fatturato,reddito,crisi,fatturato,studi di settore,accertamento,fisco,eredi,sentenza,divisione ereditaria,conguaglio,eredita,tassaziuone,La Corte innanzitutto ricorda come, in presenza di una movimentazione bancaria in entrata o in uscita dal conto corrente, i prelievi e i versamenti non giustificati sono già un 'indizio' a favore del fisco: spetta al contribuente fornire la prova contraria e dare spiegazione di tali operazioni - sottolinea il portale di informazione giuridica 'La legge per tutti' - In buona sostanza, scatta una presunzione contraria al titolare del conto; il quale, tuttavia, può difendersi, ma deve dare puntuale chiarimento sull’origine delle somme. Ora, se in caso di giroconto, non si pongono spesso problemi - perché già dalla documentazione bancaria risulta che la somma, transitata su un conto, proviene da un altro di proprietà dello stesso soggetto - non è la stessa cosa quando si parla di versamenti. I versamenti vengono fatti allo sportello, con consegna del denaro contante che, in teoria, potrebbe anche derivare da operazioni 'in nero', ossia non dichiarate. Ecco che, allora, fa bene l’Agenzia delle Entrate a chiedere spiegazioni e il contribuente, sin dall’inizio, a preparare la risposta più opportuna".,protesti,riabilitazione,camera commercio,eredita,successione,debiti,denuznia di successionetasse,imposta,passivita,detrazione,agenzia entrate,erede,testatore,de cuius,titoli,assegni,inerenza,rimborso prestito

Il fisco e la crisi

È legittimo l’accertamento se la srl che invoca la riduzione di fatturato e utili invoca  non dimostra le ragioni che rendono inapplicabile lo stu…

11 aprile 2017

banca,cointeatazione,debitori,coobbligati,firma.sodali,banca,credito,fido,La clausola «rischio paese» nell’ordine di acquisto non esonera la banca dal ripagare i tango bond Sì al ricorso del cliente, benché gli interessi alti dovessero mettere sull’avviso «il più sconsiderato degli investitori»: l’intermediario deve avvertire del pericolo-default secondo le linee guida Consob La banca venditrice ripaga al cliente i tango bond in barba alla clausola «rischio paese» apposta sugli ordini di acquisto delle obbligazioni argentine: in base alle linee guida della Consob, infatti, l’intermediario finanziario deve avvisare l’investitore che c’è pericolo di default per l’emittente e procedere alla negoziazione dei titolo soltanto dopo aver ottenuto un ordine scritto dalla controparte. È quanto emerge dalla sentenza 8314/17, pubblicata il 31 marzo dalla terza sezione civile della Cassazione. Politica ininfluente Accolto il ricorso delle eredi dell’investitore che pure erano state condannate in appello a restituire gli oltre 55 mila euro incassati dopo la sentenza favorevole di primo grado. Sbaglia il giudice del gravame a ritenere assolto l’onere di informazione a carico della banca sul rilievo che soltanto l’alto tasso di interesse offerto dai titoli avrebbe dovuto mettere sull’avviso anche «il più sconsiderato degli investitori». E ancora che l’agenzia Moody’s aveva evidenziato il crescente pericolo connesso ai tango bond e che non poteva essere compito della banca prevedere il default dell’Argentina. Si tratta infatti di considerazioni di «considerazioni di carattere politico ed economico» che «nessuna influenza possono avere» sulla controversia fra banca e cliente.

Conto cointestato e debito comune

Ove un singolo coobbligato con altri chieda un aumento di fido gli altri sodali ne rispondono Cio legittima  la banca a chiamarli in causa per il sal…

10 aprile 2017

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.