Close

13 Maggio 2021

L’ex coniuge e il diritto all’assegno se non previsto in sede di separazione

Se all’epoca della separazione consensuale la coppia non pattuì alcun assegno di mantenimento, il coniuge non può richiedere successivamente l’assegno divorzile.

La Corte spiega che la ricorrente, «di 59 anni, non svolga alcuna attività lavorativa tale da renderla indipendente economicamente essendo altresì titolare della casa di abitazione e del 50 per cento di un’altra casa dove abita la madre».

Risulta altresi’ che all’epoca della separazione i due non decidero «alcun assegno di mantenimento (a eccezione del contributo paterno per il mantenimento della figlia) dovendosi pertanto presumere che ognuno di loro aveva una propria attività lavorativa produttrice di reddito».

Inoltre l’incremento di reddito derivante da un indennizzo del danno patito sul lavoro  è legato «all’invalidità lavorativa totale per cui la somma ricevuta è destinata a far fronte a tutte le spese anche mediche future».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.