Close

22 Maggio 2020

In condominio una botola non attribuisce diritti

Infatti non basta la botola di accesso nel vano scala per dimostrare che il sottotetto è di uso comune
E quindi l’’immobile resta di pertinenza dell’appartamento dell’ultimo piano quando ha solo la funzione di isolamento termico

La cassazione la pensa differentemente dal tribunale il quale aveva accolto la domanda dei condomini volta a ripristinare l’uso comune del sottotetto che il convenuto aveva adibito a locale tecnico, accessorio al proprio immobile, collocandovi una caldaia, il collettore dell’impianto di riscaldamento e il motore del condizionatore. La corte d’appello ha poi confermato la decisione rilevando che il sottotetto deve presumersi comune, ai sensi dell’articolo 1117 Cc, nei casi in cui il vano sovrasti più appartamenti e sia destinato a servizi comuni. Nel caso in esame la destinazione del sottotetto al soddisfacimento di necessità comuni a tutti i condomini era attestata, anzitutto, dal materiale fotografico, che riproduceva la botola di accesso dal vano scale nonché dal passaggio del cavo dell’antenna televisiva condominiale.
La controversia si è quindi spostata in sede di legittimità dove il ricorrente ha sostenuto che il sottotetto era praticabile ma non agibile e che lui s

La cassazione ha applicato invece il principio principio secondo cui il sottotetto, se non diversamente stabilito dal titolo, deve considerarsi comune nel solo caso in cui, per le sue caratteristiche strutturali e funzionali, risulti concretamente e oggettivamente destinato all’uso comune; per contro, si deve reputare pertinenza dell’appartamento, di cui costituisce proiezione, nel caso in cui assolva all’esclusiva funzione di isolare l’unita abitativa.

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.