Close

9 Luglio 2019

Sui danni provocati dalle aerolinee extra ue

Sui danni per i disguidi al volo acquistato online da compagnia extra Ue decide il giudice italiano
Cio’ perche’ la non facile verificabilità della collocazione del server rende applicabile il criterio del domicilio dell’acquirente del titolo di viaggio

Insomma “il criterio concorrente previsto dall’articolo 33, comma 1, della Convenzione di Montreal, in quanto ispirato al principio di prossimità deve essere pertanto individuato nel luogo in cui chi acquista online un titolo di viaggio sia portato a conoscenza dell’accettazione della proposta formulata con l’invio telematico dell’ordine.”

,,,, “nel contratto di trasporto aereo internazionale, avente ad oggetto esclusivo l’acquisto di titolo di viaggio, intercorso tra una compagnia aerea extraeuropea e due cittadini italiani, domiciliati in Italia, in relazione all’azione risarcitoria proposta dai viaggiatori, per inadempimento contrattuale produttivo di danni a cose, ai sensi dell’art. 33 c.1 della Convenzione di Montreal del 28 maggio 1999 ratificata in Italia con legge n. 12 del 2004, ove la contrattazione e l’acquisto siano avvenuti interamente on line, la giurisdizione può essere radicata nel domicilio dell’acquirente, così dovendosi interpretare il criterio di determinazione della competenza giurisdizionale, individuato nello stabilimento a cura del quale il contratto è stato concluso, trattandosi di criterio concorrente con quello di destinazione del viaggio e del domicilio del vettore aereo”.

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.