Close

1 Febbraio 2019

Il contribuente deve provare con che soldi acquista casa

È legittimo l’accertamento a fini Irpef al contribuente che non prova né le modalità di acquisto dell’appartamento né che l’importo è scaturito da dismissioni immobiliari.

Da ciò si evince che il contribuente non ha fornito la prova  riferita agli incrementi patrimoniali  con cio’ non «adducendo prove di egual valore a quelle dell’ufficio, ma di segno opposto e si ritiene che in questa sede la parte non abbia abbondantemente dimostrato quanto argomentato nel ricorso introduttivo e ribadito in questa fase del giudizio».

In particolare il tassato «non ha documentato e dimostrato le modalità di acquisto dell’immobile e non ha, altresì, dimostrato che l’importo dell’investimento è pervenuto da dismissioni immobiliari e dal che si evince che tali elementi uniti all’acquisto di una autovettura comportano un maggior indice di capacità contributiva».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.