Close

2 ottobre 2018

Fare polemiche non conduce al licenziamento

Il dipendente  licenziato perché responsabile di aver inviato a terzi mail dal contenuto polemico e in cui parlava male dell’azienda viene riasssunto per ordine del giudice ; le mail indirizzate dal lavoratore alla sua associazione,non causano un  «danno all’immagine della società giuridicamente apprezzabile, e a vulnerare i principi di correttezza e buona fede sottesi al vincolo fiduciario»

Sotto tale profilo la reazione dell’azienda consistita nel licenziamento a’  «assolutamente sproporzionata rispetto alla pretesa mancanza».

 

 

 

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.