Close

2 Luglio 2018

Niente assegno se si ha nuova convivenza

separazione,addebito,adulterio,separazione,addebito,tradimento,amante,famiglia,casa,violaizone domicilio,maltrattamenti,famiglia,ingratitudine ,moglie,infedele,donazione

Non spetta assegno di mantenimento al coniuge debole allorquando intraprenda  un’altra stabile convivenza; salvo che non provi che il  nuovo rapporto non vada ad influire  sulle sue condizioni economiche peggiorando la situazione antecedente  del matrimonio .

La corte di cassazione ha stabilito  che “l’instaurazione da parte del coniuge di una nuova famiglia, ancorché di fatto, fa venire definitivamente meno ogni presupposto per la riconoscibilità dell’assegno a carico dell’altro coniuge, rescindendo ogni connessione con il modello di vita caratterizzante la pregressa fase di convivenza matrimoniale; il relativo diritto rimane definitivamente escluso, essendo la formazione di una famiglia di fatto –  costituzionalmente tutelata ai sensi dell’art. 2 Cost. come formazione sociale stabile e duratura in cui si svolge la personalità dell’individuo espressione di una scelta esistenziale, libera e consapevole.”

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.