Close

28 Marzo 2018

I danni provocati dal vizio di costruzione del cancello sono pagati dal locatore

parcheggio,pertinenza,condominio,mediazione,tributaria,fisco,tasse,tributi,fondo patrimoniale,pignoramento,famiglia,ipoteca

La responsabilità da custodia ex articolo 2051 Cc non deve essere addossata  al conduttore a cui puo’ ascriversi solo la responsabilità per i  danni provocati a terzi da accessori dell’immobile acquisiti alla sua disponibilità;

non vi e’ dunque responsabilità inei casi in cui  una parte dell’abitazione, ad esempio il cancello, non funzioni per difetto di costruzione. L

La cassazione nel ribadire questo rincipio ha stailito «la disponibilità giuridica e materiale del bene che dà luogo all’evento lesivo, al proprietario dell’immobile locato sono riconducibili in via esclusiva i danni arrecati a terzi dalle strutture murarie e dagli impianti in esse conglobati, di cui conserva la custodia anche dopo la locazione, mentre grava sul solo conduttore la responsabilità per i danni provocati a terzi dagli accessori e dalle altre parti dell’immobile, che sono acquisiti alla sua disponibilità».

Sussiet responsabilità del conduttore “quando i pregiudizi siano derivati non solo dal difetto di costruzione dell’impianto conglobato nelle strutture murarie, ma anche da una negligente utilizzazione di esso da parte del conduttore».

Nella fattispecie denunziata , «la condotta-fatto causale accertata è unica, vale a dire quella relativa al malfunzionamento per difetto di costruzione del cancello stesso»

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.