Close

9 Gennaio 2018

Fallimento, insinuazione al passivo e fondo di garanzia

antieconomicità,presunzioni,argomentazione,contribuente,onere della prova,banca,finanziamento,dissesto,impresa,fallimento,studi di settore,parametri,standard,accertamento,trasparenza,soci,litisconsorti,accertamento,sociata'liquidazione,fallimento,soci,amministratore,agenzia delle entrate,fallimento procedura fallimentare imprenditore requisiti soggettivi requisiti oggettivi

L’insinuazione al passivo del  fallimento del datore di lavoro non ha efficacia interruttiva verso il fondo di garanzia inps

Ciò perchè il credito non nasce dal contratto di lavoro ma dal rapporto diretto che si instaura verso l’ente previdenziale

La prescrizione e’ dii un anno dall esecutività dello stato passivo
“La prestazione a carico del fondo ha natura previdenziale e può scattare quando il datore è insolvente, il credito viene accertato durante la procedura concorsuale e il lavoratore dispone di un titolo giudiziale oltre aver tentato senza soddisfazione l’esecuzione forzata. Tanto basta a escludere che si possa applicare la disciplina delle obbligazioni in solido: ecco perché il termine di prescrizione di un anno per il credito vantato dal lavoratore non resta interrotto nei confronti del fondo di garanzia durante la procedura concorsuale a carico del datore. Spese di giudizio compensate perché la questione ha vissuto «un articolato sviluppo giurisprudenziale».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.