Close

24 Novembre 2017

La transazione di lavoro dopo la sentenza può essere impugnata

licenziamento,supervisore,sconto,fornero,tutele crescenti,licenziamento,conservazione posto,ccnl,jobs act.licenziamento,patto di prova,ingiustificatezza,licenziamento nullo,lavoratore,datori di lavoro,trasferimento,illegittimo,ansia,danni, tabelle milanesi,,licenziamento,disciplinare,tardivo,lavoro,dequalificazione,mobbing,retribuzione,dipendente,persecuzione,datore di lavoro ,licenziamento,atto recettizio,lavoratore,procedimento,sanzione,licenziamento,immodificabile,giusta causa,giustificato motivo,incinta,gravidanza

Errano i giudici che ritengono che la transazione dopo la sentenza non sarebbe impugnabile sulla scorta  del principio che  la pronuncia favorevole al dipendente” farebbe venir meno la sua condizione di debolezza contrattuale precludendo dunque l’applicazione della norma ex articolo 2113 Cc.”

E ciò perchè la disposizione di legge non consente al giudice di valutare volta per volta se in che misura la condizione di debolezza sia venuta meno.

Quindi  il diritto riconosciuto nella sentenza soggiace alla norma dell’articolo 2113 Cc e non diventa diverso solo perché accertato dal giudice:

l’unica differenza e’ nella prescrizione che in caso di sentenza si “allunga”

 

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.