Close

10 Luglio 2017

La precarietà del lavoro non autorizza l’evasione fiscale

tasse,precarieta,condizioni difficili,azienda,debiti,fisco,tasse,ipoteca,pignoramento,cartella esattorial,vvedimento,commisisoni tributarie,pregiudiziale tribuitaria,vvedimento,commisisoni tributarie,pregiudiziale tribuitaria,circolare,finanze,imposte,societa,sanzioni

“La condizione precaria e problematica sul lavoro e in famiglia, i debiti del contribuente e il desiderio di fuga da quella realtà non possono essere un valido motivo per ridurre la pretesa del fisco o addirittura per annullare l’accertamento se non si considerano, di contro, la cattiva gestione dell’azienda che porta alle perdite di esercizio o a redditi irrisori.  ..”
e cio’ perchè «ridurre equitativamente la pretesa tributaria, prescindendo dalle norme fissate dal legislatore, si avrebbe un palese aggiramento dell’articolo 23 della Costituzione». e quindi non bassta  «solo la condizione familiare, il desiderio di fuga da tale realtà e l’indebitamento del contribuente senza alcuna disamina delle ragioni di merito della protratta attività generatrice di perdite o redditi irrisori».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.