Close

12 Giugno 2017

Bilanci e dichiarazione di fallimento

FILTRO IN APPELLO, CITAZIONE,APPELLO,bilancio,fallimento

Se l’imprenditore raggiunto da una istanza di fallimento produce bilanci non ritualmente depositati (o addirittura non depositati) presso il registro delle imprese, il giudice, laddove ritiene inattendibili i dati riportati, deve motivare adeguatamente. «In tema di fallimento, ai fini della prova della sussistenza dei requisiti di non fallibilità di cui all’articolo 1, comma secondo, Lf, i bilanci degli ultimi tre esercizi che l’imprenditore è tenuto a depositare, ai sensi dell’articolo 15, quarto comma, Lf, sono quelli approvati e depositati nel registro delle imprese, ai sensi dell’articolo 2435 Cc; sicché, ove difettino tali requisiti, o essi non siano ritualmente osservati, il giudice può motivatamente non tenere conto dei bilanci prodotti, rimanendo l’imprenditore onerato della prova circa la sussistenza dei requisiti della non fallibilità».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.