Close

8 Giugno 2017

Versamenti non giustificati in banca presuppongono il “nero”

insolvezza,anomali,pagamenti,accertamento,motivazione,nullità,tardività,bonifici,versamenti,nero,contabilita,dichiarazione infedele,falso,fatturato,reddito,crisi,fatturato,studi di settore,accertamento,fisco,eredi,sentenza,divisione ereditaria,conguaglio,eredita,tassaziuone,La Corte innanzitutto ricorda come, in presenza di una movimentazione bancaria in entrata o in uscita dal conto corrente, i prelievi e i versamenti non giustificati sono già un 'indizio' a favore del fisco: spetta al contribuente fornire la prova contraria e dare spiegazione di tali operazioni - sottolinea il portale di informazione giuridica 'La legge per tutti' - In buona sostanza, scatta una presunzione contraria al titolare del conto; il quale, tuttavia, può difendersi, ma deve dare puntuale chiarimento sull’origine delle somme. Ora, se in caso di giroconto, non si pongono spesso problemi - perché già dalla documentazione bancaria risulta che la somma, transitata su un conto, proviene da un altro di proprietà dello stesso soggetto - non è la stessa cosa quando si parla di versamenti. I versamenti vengono fatti allo sportello, con consegna del denaro contante che, in teoria, potrebbe anche derivare da operazioni 'in nero', ossia non dichiarate. Ecco che, allora, fa bene l’Agenzia delle Entrate a chiedere spiegazioni e il contribuente, sin dall’inizio, a preparare la risposta più opportuna".,protesti,riabilitazione,camera commercio,eredita,successione,debiti,denuznia di successionetasse,imposta,passivita,detrazione,agenzia entrate,erede,testatore,de cuius,titoli,assegni,inerenza,rimborso prestito

E dunque il recupero a tassazione

Più specificatamente:

Bonifici e  i versamenti effettuati dai coniugi dei soci che non lavorano per conto della srl dimostrano la disponibilità di somme di denaro riconducibile a ricavi in nero non dichiarati. «versamenti effettuati dai coniugi dei soci, i quali non svolgevano attività lavorativa (circostanza non contestata) e neanche giustificabili con i redditi dichiarati dai soci stessi nei precedenti anni».

Sui bonifici per polizze «la sottoscrizione delle stesse, come evidenziato dalla Ctr, costituisce ulteriore elemento che implica la disponibilità di somme di denaro riconducibile a ricavi della società non dichiarati».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.