Close

7 Giugno 2017

Distrazione spese,avvocato antistatario e cliente

riesame,termine,atti,opposizione,decreto ingiuntivo,ingiunzione,spese,,prescrizione,ricorso in cassazione,inammissibilità,contrasto giurisprudenziale,sezioni unite,adistrazione spese,legale,antistatario,antistatarietà,cliente,vvocato,sanzione,cassazione,pubblicita',sito web,clienti,impuitato,imposte,assoluzione,scriminante,cedu,maltrattamenti,famiglia,discriminazione,condanna,omiciio,violenza,marito ,cedu,diritti dell'uomo,condanna,dichiarazioni,predibattimento,interrogatorio,pubblica udienza,assoluazione,presidente,pm,accordo,coniugi,convalida,separazione

Il  provvedimento di distrazione delle spese processuali instaura tra il difensore della parte vittoriosa e la parte soccombente «un autonomo rapporto che, nei limiti della somma liquidata dal giudice, si affianca a quello di prestazione d’opera professionale fra il cliente vittorioso e il suo procuratore».

Il legale  ” ha la facoltà non solo di rivolgersi al cliente per la parte del credito professionale che ecceda la somma liquidata dal giudice così come ha anche la possibilità di chiedere l’intera somma sebbene la distrazione disposta”;

Pariteticamente il rappresentato puo’ impugnare las sentenza che liquida sulla antistatarietà la quale , «pur distraendo le spese processuali in favore del difensore, le ha liquidate in misura insufficiente, in quanto, essendo comunque tenuta a corrispondere al proprio difensore la differenza tra quanto liquidato dal giudice e quanto dovutogli in base agli accordi o al tariffario professionale, ha interesse a che la liquidazione giudiziale sia quanto più possibile esaustiva delle legittime pretese del professionista».

In tal caso  il difensore distrattario delle spese assume la qualità di parte sia attiva che passiva in sede di gravame solo quando l’impugnazione riguarda «la pronuncia di distrazione in sé considerata».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.