Close

3 Maggio 2017

Diritto agli alimenti per l’ex convivente della coppia di fatto

La legge 76/2016 all’art. 1, co. 65 riconosce espressamente un vero e proprio diritto del convivente more uxorio a vedersi riconosciuta una somma a titolo di assegno alimentare.

Ma, a quali condizioni?

Una recentissima pronuncia del tribunale di Milano ha sancito che il diritto agli alimenti spetterebbe all’ex convivente della coppia di fatto, solo in presenza di due condizioni: 1) il rapporto di coppia deve essersi interrotto solo dopo l’entrata in vigore della legge (5 giugno 2016), 2) l’ex convivente richiedente deve trovarsi in una condizione di difficoltà economica, cioè in un vero e proprio stato di bisogno tale per cui non è in grado di provvedere al proprio mantenimento in modo del tutto autonomo.

Difatti la legge fa riferimento ad un vero e proprio stato di bisogno (art. 1, co. 65 L. n. 76/2016 “In caso di cessazione della convivenza di fatto, il giudice stabilisce il diritto del convivente di ricevere dall’altro convivente e gli alimenti qualora versi in stato di bisogno e non sia in grado di provvedere al proprio mantenimento”); dunque, l’assegno non sarà in automatico addossato all’ex convivente “economicamente più stabile”.

Trib. Milano, 23 gennaio 2017

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.