Close

28 Aprile 2017

Nessuno sgravio o mobilita a chi assume i dipendenti della fallita

licenziamento licenziamento collettivo,dipendenti,requisiti,associaizone,responsabilita,danni,legge 223,sgravi,benefit,azienda fallita,acquirente,datore di lavoro,assunzione

Chi assume i dipendeti di una società fallita non ha diritto ad alcuno sgravio percèe l’operazione integra una cessione di azienda e non un passaggio di singoli dipendenti

L’azienda aveva beneficiato per l’assunzione di 28 lavoratori delle provvidenza della legge 223/91 (art 8)

Niente sgravi-mobilità a chi assorbe i dipendenti della fallita perché c’è una vera cessione d’azienda

Sì al ricorso dell’Inps: non conta che il trasferimento avvenga nell’ambito della procedura concorsuale in quanto l’assunzione non è frutto di libera scelta del datore ma di un obbligo di legge

“Come correttamente rilevato dall’Inps, il passaggio dei beni nell’ambito di una procedura fallimentare non esclude che sia intervenuto tra le parti un contratto di cessione di azienda. Inoltre, ricade su chi intende beneficiarne l’onere di provare la sussistenza del diritto a ottenere gli sgravi contributi. I benefici in esame  non possono essere riconosciuti” ….. «ove tra due imprese sia intervenuto un trasferimento di azienda che, ai sensi dell’articolo 2112 Cc, importa la continuazione dei rapporti di lavoro con l’acquirente, in tale ipotesi, non ha rilievo il disposto dell’articolo 47, comma 5, della legge 428/90, che, nell’escludere l’applicabilità dell’articolo citato in caso di trasferimento di azienda in crisi, disciplina la posizione contrattuale dei lavoratori nel passaggio alla nuova impresa, senza aver riguardo agli aspetti contributivi».

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.