Close

9 Gennaio 2017

L’invalidità si misura secondo parametri standard, salvo prova contraria da porsi in capo al danneggiato

«la somma di denaro accordata alla vittima di lesioni personali a titolo di risarcimento del danno da invalidità permanente è necessariamente intesa a ristorare la perdita delle attività che quella menomazione necessariamente ha comportato, ed avrebbe comportato comunque quale che fosse stata la persona che l’avesse subita»….e poiche’ il danneggiato ha avuto il 90% di invalidita riconosciuta la rilevanza delle lesioni sulla vita di relazione era gia stata correttamente valutata ed e’ da ricomprendersi nel   grado di invalidità permanente.

La   compromissione della vita di relazione maggiore e più significativa di quella che le medesime lesioni avrebbero provocato in un’altra persona della stessa età  vengono ristorate attraverso la monetizzazione del grado di invalidità permanente col criterio standard ove la parte non provi la cd personalizzazioen dle danno

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.