Close

4 Gennaio 2017

Non sempre il tradimento è motivo di addebito

assegno mantenimento,lavori,coniugi,casa,seprazione,spese,straordinarie,urgenti,prelievo,banca,conto,spese familiari,residenza,figli,minori,.affido,giudice,assegno mantenimento,famiglia,alimenti,separazione personale,coniugi,coabitazione,alimenti,assegno,tenore di vita,onerato,trasferta,matrimonio,delibazione,convicenza,coniugi,retratto successiorio,famiglia,cessioen,azienda,conferimento,fusione,delibazione,tribunale,ecclesiastico,cassazione,convivenza,coniugi,querela,mantenimento,padre,figlio,minore,moglie,coniuge,separazione,coniugi,mediazione,negoziazione assistita,immobiel,cessioen,legali,notaio,pm,padre,madre,figli minori,mediatore culturale,famiglia,adottabilita

Alcune pronunzie, sia dei Giudici di legittimità che di merito, affermano il seguente principio: il tradimento in sé non è causa scatenante dell’addebito, poiché se il marito è a conoscenza della persistente relazione della moglie con un altro uomo e non le impedisce di continuare a convivere dividendo lo stesso letto, esclude di per sé che intercorra una violazione del patto di fiducia posto alla base dell’unione matrimoniale.
Anzi, in altri casi, il tradimento potrebbe essere interpretato come conseguenza del fallimento del matrimonio.

 

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.