Close

1 Gennaio 2017

Separazione, assegno di mantenimento, figli autosufficienti, casa familiare affidata al conuge più agiato

assegno mantenimento,lavori,coniugi,casa,seprazione,spese,straordinarie,urgenti,prelievo,banca,conto,spese familiari,residenza,figli,minori,.affido,giudice,assegno mantenimento,famiglia,alimenti,separazione personale,coniugi,coabitazione,alimenti,assegno,tenore di vita,onerato,trasferta,matrimonio,delibazione,convicenza,coniugi,retratto successiorio,famiglia,cessioen,azienda,conferimento,fusione,delibazione,tribunale,ecclesiastico,cassazione,convivenza,coniugi,querela,mantenimento,padre,figlio,minore,moglie,coniuge,separazione,coniugi,mediazione,negoziazione assistita,immobiel,cessioen,legali,notaio,pm,padre,madre,figli minori,mediatore culturale,famiglia,adottabilita

Nella separazione di coniugi con figli maggiorenni ed autosufficienti economicamente, laddove l’ex casa familiare sia occupata dal coniuge più agiato, si deve tener conto di detta situazione di vantaggio disponendo un contributo di mantenimento in favore dell’altro in misura variabile, il cui importo si dimezzerà con il rilascio dell’immobile.

Diversamente si rischierebbe di protrarre a tempo indefinito la situazione di vantaggio di un coniuge in danno dell’altro rispetto alla fruizione dell’immobile di comproprietà, potendo l’uno non avere interesse ad addivenire alla divisione del cespite – mediante vendita a terzi, acquisto della quota, o divisione giudiziale – e l’altro non avere la possibilità economica per farlo.

 

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.