Close

19 luglio 2018

Amanti ed estorsioni

separazione,addebito,adulterio,separazione,addebito,tradimento,amante,famiglia,casa,violaizone domicilio,maltrattamenti,famiglia,ingratitudine ,moglie,infedele,donazione

E’ estorsione e non esercizio arbitrario delle proprie ragioni la minaccia dell’amante di rivelare alla moglie la relazione segreta intercorsa

infatti e’ estorsione «l’azione violenta o minacciosa che, indipendentemente dall’intensità e dalla gravità della violenza o della minaccia, abbia di mira l’attuazione di una pretesa non tutelabile davanti all’autorità giudiziaria».

Se fosse esercizio arbitrario  occorre «l’esistenza di una legittima pretesa creditoria in capo al soggetto agente»; d’altronde la giurisprudenza di legittimità più volte ha affermato come integri gli estremi del delitto di estorsione «la minaccia o violenza finalizzata ad ottenere l’adempimento di un’obbligazione naturale».
E per quanto riguarda le ragioni dell’amante e’ «avulsa dalla realtà era la sua affermazione di aver diritto ad una riparazione pecuniaria per i precedenti aborti spontanei», si tratat infatti di «un’obbligazione naturale ai sensi dell’articolo 2034 Cc, in quanto la persona offesa avrebbe corrisposto la somma per adempiere ad un proprio dovere morale, e quindi la pretesa creditoria non sarebbe azionabile in giudizio». I

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.