Close

5 giugno 2018

Il sindacato e l’impugnativa del licenziamento

licenziamento,inadempimento,rilevanza,rapporto di fiducia,contestazione,disciplinare,licenziamento,assenze,lavoratore,prova testimoniale,verbali,standard,scostamento,societa,antoeconomica,accertamento,agenzia delle entrate,esdebitazione,non fallibili,demansionamento,dequalificazione,legge fornero,jobs act

Il sindacato ,anche senza procura o ratifica, ove impugni  il licenziamento esclude la decadenza del lavoratore
“L’azione volta a reprimere la condotta datoriale contro l’organizzazione dei prestatori ha l’obiettivo di contrastare la volontà espulsiva e realizza la finalità propria della legge”

Il caso specifico e’ molto particolare :

Il sindacato  lamentava la condotta antisindacale in relazione al singolo licenziamento adottato dal datore con domanda posta entro i fatidici sessanta giorni….

Con il che ha escluso  la decadenza del dipendente dall’impugnativa ex articolo 6 della legge 604/66:

“la domanda ex articolo 28 dello statuto dei lavoratori, infatti, ha sicuramente l’obiettivo di contrastare la volontà espulsiva dell’azienda e dunque realizza la finalità propria della disposizione, che fissa un termine ragionevole ma perentorio per esigenze di certezza del diritto. E ciò anche se il sindacato agisce senza procura ad litem o successiva ratifica dell’operato da parte del lavoratore licenziato”

error: Contenuto protetto
Copy Protected by Chetan's WP-Copyprotect.